In offerta!
[wpv-post-taxonomy type="autore" separator=", " format="link" show="name" order="asc"]

Avanti, in Cammino!

18,00  15,30 

“Io non sapevo niente del Cammino di Santiago. Da 25 anni fumavo tre pacchetti di sigarette al giorno e, secondo i miei amici, ero il tipo che entrava in auto nei ristoranti.”

Comincia così il diario di viaggio, affettuoso e ironico, dall’autrice. Un racconto appassionante, in cui si intrecciano le tre peregrinazioni compiute a Santiago, che fanno di Alix un’esperta del Cammino. Le persone incontrate sono altrettante storie, avventure umane che si aprono in uno spazio di libertà, quasi di ritorno all’infanzia, dove il tempo si dilata e accade di tutto. Dal desiderio di uccidere i propri “colleghi” di cammino alle esperienze di amicizie intense e di momenti di intensa spiritualità. L’apparente normalità del Cammino ritrova la sua ricchezza e profondità attraverso una scrittura gonfia di humor e suspense.

Il filo rosso del libro è l’amicizia con una donna, Rachele, di origine ebraica, ma nata da genitori Testimoni di Geova a Cuba il che, come ben si capisce, è già di per sé una situazione strana. A 5 anni Rachele saliva sui banchi a proclamare la parola di Dio e a scuola rifiutava di salutare la bandiera e Fidel Castro. In breve, Rachele ha 9 anni quando la famiglia riesce a fuggire da Cuba e a trasferirsi a Madrid. I genitori divorziano, Rachele si fa battezzare, ma quando Alix l’incontra nelle prime tappe del cammino, non ha più la fede. E sono i dialoghi, gli scontri e il profondo rapporto che nasce tra due donne così diverse che conduce il lettore, d’un fiato e con la voglia di sapere come va a finire, fino in fondo al libro. 

“Come mia madre, anche la sua era convinta che si sarebbe fermata dopo una settimana.”

Giornalista e scrittrice Alix de Saint-André è al suo sesto libro (cinque quelli usciti da Gallimard). Nata nel 1957 da una famiglia aristocratica, dopo gli studi alla Sorbona ha lavorato per Figaro Magazine e ora, come inviata speciale, scrive per Elle. Iconoclasta e sorridente, gestisce la lingua con insolenza e ironia. Nel 1994 il suo esordio letterario con un thriller burlesco. 

“Questo libro sul pellegrinaggio più famoso d’Europa ha tutte le caratteristiche di un grande romanzo.” Alain Beuve-Méry, Le Monde

 

“Quanto talento in questa donna scrittrice che ognuno amerebbe avere al fianco come amica cara.” L’Express culture

“Con ironia ma anche con profondità di fede, questa strana credente ci regala un’avventura ad altezza d’uomo (di donna) a 4 chilometri l’ora. Coinvolgente.” Marie Chaudey, La vie

“Ho acquistato ieri il libro e l’ho finito in un istante!” lewesternculturel.blogs.courrierinternational.com

Intervista all'autrice

Informazioni aggiuntive

Pagine

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Avanti, in Cammino!”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *